La Distorsione della Caviglia: quando una precoce mobilizzazione favorisce la guarigione

da | Apr 1, 2022 | Rassegna stampa

Le distorsioni della caviglia rappresentano la percentuale più alta (circa il 30%) delle lesioni sportive: la maggior parte di questi infortuni si verifica con un movimento in “inversione”, costituito da una flessione esagerata del piede verso il basso e l’interno, che provoca un interessamento dei legamenti esterni, mentre gli infortuni che si verificano in “eversione” sono più rari, e sono purtroppo spesso associati ad una frattura ossea. La gravità di una distorsione di caviglia si definisce in base all’entità del danno del legamento: mentre, nella lesione di 1°grado, la distensione legamentosa è trascurabile e non compromette la stabilità dell’articolazione, le lesioni di 2° grado sono distorsioni di media entità, con parziale lacerazione delle fibre legamentose e stiramento della articolazione, e le lesioni di 3° grado sono distorsioni gravi, con rottura parziale o totale dei legamenti, associata spesso a lesioni ossee, osteocondrali, capsulari, che possono coinvolgere anche altre strutture. In tutti i casi, un percorso fisioterapico e riabilitativo adeguato è fondamentale: l’eventuale mancanza di questo esporrebbe lo sportivo ad un’instabilità cronica della caviglia, obbligandolo o ad un pesante trattamento conservativo, o, nei casi più gravi, ad un trattamento chirurgico, per stabilizzare definitivamente l’articolazione.

L’innovativo trattamento fisioterapico e riabilitativo, che ottimizza il carico corporeo sulla gamba infortunata fin dai primi giorni, permette di recuperare velocemente e di ridurre il rischio di ricadute: nella Fase Acuta (1°-5° giorno), è importante sia proteggere l’articolazione da ulteriori distorsioni (con bendaggio rigido compressivo, tutore e stampelle nei casi più gravi) sia controllare infiammazione, dolore, ematoma, gonfiore (con crioterapia/ghiaccio, taping drenante, massaggio linfoarticolare, tecarterapia, laserterapia, ultrasuonoterapia), anche attraverso un carico corporeo ottimale e progressivo; nella Fase Subacuta (6°-10° giorno), gli obiettivi sono il recupero della completa articolarità e flessibilità muscolo-tendinea (con terapia manuale, manipolazioni articolari e stretching), progredendo con l’allenamento della forza e resistenza muscolare (con esercizi a resistenza elastica controllata); infine, nella Fase di Riatletizzazione e del Completo Recupero (da 11° giorno in poi), l’obiettivo è quello di ripristinare correttamente posizione, movimenti, equilibrio e coordinazione della caviglia, anche con sedute direttamente su campo per gli atleti, in modo da perfezionare ed ottimizzare il recupero funzionale dell’articolazione.

È possibile recuperare da una distorsione della caviglia in maniera rapida, sicura e duratura? Presso lo Studio FisioSiPuò, con la Fisioterapia, SI Può!

Privacy

CHIAMA IL 351 67 77 486
fisioterapia Roma Casalotti

Dott. Paolo Pirozzi

Fisioterapista
Riabilitatore Sportivo
Terapista Manuale Osteopatico

Indirizzo

Largo Beata Teresa Verzeri 28-29,
00166 Roma - Zona Boccea/Torrevecchia

Telefono

Email

fisiosipuo@gmail.com